L’islandese che sapeva raccontare storie